logo Marcegaglia

Antonio Marcegaglia, intervistato da Siderweb conferma l’interesse ad approfondire eventuali nuove acquisizioni

Intervistato da Siderweb, in occasione del Tube di Düsseldorf, il presidente Antonio Marcegaglia si è espresso favorevolmente in merito alla possibile acquisizione dei nuovi impianti di cui ArcelorMittal ha offerto la cessione, in ottemperanza alle normative antitrust europee.
Antonio Marcegaglia ha ribadito la necessità di attendere «il pronunciamento dell’Antitrust UE e la nostra uscita ufficiale da AM InvestCo Italia», in quanto «l’ultima parola spetta ai funzionari che si sono riservati di rispondere entro il 23 maggio»
. Sul punto ha aggiunto inoltre: «una volta usciti dal consorzio, in modo che tutto possa avvenire nella più assoluta trasparenza, saremo legittimati a valutare con attenzione il possibile acquisto di alcuni degli impianti in cessione da ArcelorMittal», che siano «funzionali a un’integrazione verticale e orizzontale con il nostro progetto industriale».
In merito al contesto attuale, che ha visto il gruppo Marcegaglia segnare nel primo trimestre 2018 una crescita dei volumi del 6% rispetto al Q1 2017  Antonio Marcegaglia, registrando un andamento positivo dei fondamentali economici e dei consumi dei settori utilizzatori, ha affermato: «Abbiamo assistito ad un aggiustamento dei prezzi nell’ordine dei 10/20 euro la tonnellata, ma in un percorso stabile e partendo da livelli di picco, con quotazioni che restano medio-alte. Il tutto supportato da una buona domanda e da un’offerta più disciplinata rispetto al passato».
Riguardo all’impatto dei dazi USA, Antonio Marcegaglia ha confermato che «nonostante la politica americana, in questi giorni di fiera abbiamo incontrato molti acquirenti provenienti dagli USA, a testimonianza di come gli americani abbiano bisogno di acciaio», ribadendo «ritengo la motivazione della “sicurezza nazionale” alla base del provvedimento un mero pretesto che rischia di danneggiare la stessa industria americana, con i prezzi dell’acciaio che sono già schizzati verso l’alto».
In merito alle tensioni con l’UE sull’esenzione Antonio Marcegaglia si è espresso positivamente confidando che «possano essere superate attraverso una revisione di massima di alcuni degli accordi bilaterali in vigore».

Share on:

<< HOME