Marcegaglia_Budma2018_461x161

REGISTRATI

Per ricevere le Newsletter personalizzate. >>

general terms conditions marcegagliaMarcegaglia RUMarcegaglia TurkeyMarcegaglia PolandMarcegaglia Do BrasilMarcegaglia UKMarcegaglia FranceMarcegaglia DeutschlandMarcegaglia IbericaMarcegaglia RomaniaMarcegaglia ChinaMarcegaglia UsaMarcegaglia BuildtechMarcegaglia SteellifeFondazione Marcegaglia OnlusCorporate Golden Donor FAI

Antonio Marcegaglia a “Steel Survival Strategies”: il protezionismo non è la risposta

Si è tenuta dal 26 al 28 giugno 2017 presso il Marriott Marquis Hotel di New York la trentaduesima edizione di “Steel Survival Strategies”, la più importante conferenza dell’industria siderurgica nordamericana, organizzata da American Metal Market in partnership con World Steel Dynamics.
L’evento ha riunito manager provenienti da tutto il mondo per un approfondito dibattito riguardante lo scenario economico e siderurgico globale e le inestimabili opportunità di fare rete tra i diversi stakeholder.
Nel corso della seconda giornata sono intervenuti alcuni relatori internazionali, tra cui Antonio Marcegaglia, Presidente e CEO del gruppo Marcegaglia, che si è confrontato con Kazuo Mike Fujisawa (Direttore Overseas Business di JFE Steel Corporation), John Lichtenstein (Direttore Strategico e Global Metals Lead di Accenture), Yuriy Ryzhenkov (CEO di Metinvest Holding LLC), Leo W. Gerard (Presidente Internazionale di United Steelworkers) ed Edwin Basson (Direttore Generale di World Steel Association).
Il Presidente Marcegaglia, durante il suo intervento intitolato “Market regionalization and protectionism… will make America (steel) great again?”, ha ribadito l’importanza del commercio globale come unica risposta alla situazione attuale, nonostante il tentativo da parte di molti Paesi, a cominciare proprio dagli Stati Uniti, di mettere in atto le politiche protezionistiche.
“Il commercio globale dell’acciaio sta diminuendo; le esportazioni di acciaio in percentuale rispetto alla produzione stanno rallentando dal 2000”, ha esordito Antonio Marcegaglia. “Mentre la riduzione dell’esportazione cinese è il fattore principale, molti mercati regionali stanno limitando le importazioni attraverso cause contro altri paesi.”
“I casi commerciali di ‘tutti contro tutti’ sono in forte crescita negli ultimi anni. Il tentativo di raggiungere liberi o privilegiati accordi commerciali tra i diversi paesi è fallito. Inoltre gli Stati Uniti stanno seriamente studiando l'applicazione di una limitazione generale delle importazioni per ‘motivi di sicurezza nazionale’ (Sezione 232 del Trade Expansion Act del 1962). Si dice che anche l’Europa stia considerando l’applicazione di una ‘clausola di salvaguardia’.”
“Sul lungo periodo il protezionismo non è certamente la risposta, ha concluso il Presidente Marcegaglia. “La concorrenza ingiusta e sovvenzionata deve essere combattuta, in modo aggressivo ed efficiente. Il commercio globale ottimizza al meglio la catena del valore globale, creando un valore sostenibile piuttosto che una minaccia per i player internazionali.”